LE INFEZIONI VULVO VAGINALI

Le infezioni vulvo vaginali

La visita ginecologica seguita da apposito Pap test o colposcopia, si rivela particolarmente utile per identificare la presenza di eventuali infezioni vulvo vaginali. L’osservazione delle cellule al microscopio è efficace ai fini della diagnosi e della cura da prescrivere alla paziente.

La maggior parte delle infezioni vulvo vaginali si presentano con i classici sintomi di bruciore intimo o perdite, che possono comparire dopo un rapporto o in seguito ad una gravidanza.
Molte donne, alla prima comparsa di questi sintomi purtroppo ricorrono alla metodica del “fai da te”, chiedendo consiglio ad amiche o conoscenti per tentare di risolvere il problema.
Questa prassi è molto diffusa e allo stesso tempo altamente sconsigliata dai medici, in quanto questi consigli non tengono conto delle caratteristiche della paziente, che variano da persona a persona.
Di conseguenza, un farmaco o una terapia che hanno avuto effetti benefici su una persona, potrebbero non averne su un’altra. Per questo motivo, se si dubita un’infezione vulvo vaginale, si consiglia sempre di effettuare una visita ginecologica.

Le infezioni vaginali possono essere di natura batterica, fungina o virale. Le cause possono derivare da rapporti sessuali non protetti o da una scarsa igiene intima.
Anche l’assunzione di particolari farmaci può favorire l’insorgere di infezioni vaginali che alterano la flora vaginale abbassando le difese immunitarie dell’organismo.
L’apparato genitale femminile possiede una sua flora che è composta da lattobacilli (che hanno il compito di proteggere dalle infezioni). A volte questa flora può subire degli sbalzi, favorendo quindi la proliferazione di agenti infettivi.

Le principali cause delle infezioni vulvo vaginali

La gravidanza e la menopausa  possono causare spesso infezioni vulvo vaginali. Durante la gravidanza, ad esempio, aumentando gli estrogeni ed il progesterone, aumenta anche la quantità di glicogeno all’interno della vagina, e questa situazione si traduce in un terreno particolarmente fertile per lo sviluppo di germi. In casi come questi è opportuno curare tempestivamente le infezioni, che altrimenti potrebbero contaminare anche il liquido amniotico.

Per evitare l’insorgere di infezioni vaginali, è opportuno:

– Avere un’accurata igiene intima;
– utilizzare sempre biancheria personale, evitare scambi
– indossare biancheria intima di cotone,
– seguire una dieta varia ed equilibrata
– non trascurare mai nessun sintomo: qualsiasi infezione vaginale è facilmente curabile in tempi brevi se diagnosticata in tempo.